Animali,  Età contemporanea

10.8.1934. Il leone dell’imperatore e il leone in pentola

10 agosto 1934 – Arriva da Roma un ospite importante. Anzi, arriva dall’Etiopia. È stato inviato dall’imperatore Hailé Selassié e ricevuto dal principe Umberto. Chi è? Si chiama Sultano ed è un leone. Viene per trascorrere i suoi ultimi giorni in una gabbia nel parco Regina Margherita (oggi Mazzini) di Salsomaggiore.

Nel 1931, per iniziativa del podestà Mantovani, a Salso è stato allestito uno zoo. Dal 7 giugno 1931, il giardino con gli animali è aperto al pubblico. Ospita leoni eritrei, due orsi bruni siberiani, due leopardi della Somalia, due puma, varie gazzelle, volpi, scimmie americane con ciuffetti grigi, un macaco, antilopi cervicapra asiatiche, alcuni palmipedi e qualche rapace. Tutti esemplari donati dallo zoo di Roma.

I leoni sono l’attrazione principale. Al principio di questo 1934, il primo maschio dello zoo muore. Nonostante la giovane età, non ha resistito al freddo dell’inverno. Allora da Roma mandano un altro maschio, il vecchio Sultano, dono del sovrano d’Etiopia al principe del Piemonte in occasione della visita di suo figlio in Italia. Il principe ha lasciato il feroce felino allo zoo di Roma e ora questo lo invia nel parmense.

Neppure Sultano resterà a lungo. Muore infatti pochi mesi dopo l’arrivo a Salsomaggiore. E di nuovo Roma si preoccupa di rimpiazzarlo, con Ras, il quale invece sulle colline appenniniche si ambienta subito. Il 26 ottobre 1934, a Salso nasceranno tre leoncini, figli di Ras, e altri due all’inizio di maggio 1937.

Lo zoo si arricchisce di altri animali. In questo 1934, un cucciolo nasce anche nella gabbia dei leopardi. Sono portati daini, sciacalli, pappagalli e uccelli di palude. Il 21 novembre arriva una coppia di cinghiali provenienti dalle tenute reali di San Rossore, dono della regina Margherita che aveva visitato lo zoo l’estate dell’anno prima.

Lo zoo sarà smantellato nella seconda metà del 1944, dopo aver subito le peggiori cose della guerra. Prima la fame: il 28 febbraio 1943, il guardiano dello zoo Emilio Borghesi è condannato a sei mesi di reclusione addirittura per aver rubato più volte carne destinata agli animali, rivenduta per consumo umano nonostante fosse stata dichiarata inadatta a tale scopo. E poi i combattimenti: diversi animali sono uccisi durante mitragliamenti alleati nel 1944. Da qui la decisione di rimandare tutte le bestie sopravvissute Roma.

Là dove c’era lo zoo, nel dopoguerra è stata costruita la bocciofila ancora esistente.

Con la storia del parco zoologico di Salsomaggiore ne va raccontata brevissimamente un’altra. Sapete che fine ha fatto il primo leone, quello morto all’inizio del 1934, sostituito con Sultano? È stato mangiato! Sì, nei piatti di una trattoria di Fidenza, cucinato arrosto.

La singolare cena è stata consumata nel gennaio 1934 presso la Trattoria dei cacciatori, detta Osteria della Giuseppa. Alcuni cittadini hanno comprato dallo zoo la carcassa del leone, adducendo ragioni legate al rispetto degli animali, e una volta ottenuto il corpo lo hanno scuoiato e dato in mano alla cuoca.

Il perduto zoo di Salsomaggiore nel 1931 (foto dal blog vecchiasalso)
Il perduto zoo di Salsomaggiore nel 1931 (foto dal blog vecchiasalso)
Uno dei leoni del perduto zoo di Salsomaggiore nel 1934 (foto dal blog vecchiasalso)
Uno dei leoni del perduto zoo di Salsomaggiore nel 1934 (foto dal blog vecchiasalso)
Uno dei leoni del perduto zoo di Salsomaggiore nel 1934 (foto dal blog vecchiasalso)
Uno dei leoni del perduto zoo di Salsomaggiore nel 1931 (foto dal blog vecchiasalso)
L'orso del perduto zoo di Salsomaggiore nel 1934 (foto dal blog vecchiasalso)
L’orso del perduto zoo di Salsomaggiore nel 1934 (foto dal blog vecchiasalso)
Un'antilope del perduto zoo di Salsomaggiore nel 1934 (foto dal blog vecchiasalso)
Un’antilope del perduto zoo di Salsomaggiore nel 1934 (foto dal blog vecchiasalso)
Il perduto zoo di Salsomaggiore nel 1931 (foto dal blog vecchiasalso)
Il perduto zoo di Salsomaggiore nel 1931 (foto dal blog vecchiasalso)

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.